']); _gaq.push(['b._trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://' : 'http://') + 'stats.g.doubleclick.net/dc.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })();

Tacchino in fricassea il secondo per Pasqua

In famiglia siamo stati sempre contrari a sacrificare un agnellino per il pranzo di Pasqua…

tacchino in fricassea

….così la mamma cucinava il tacchino in fricassea, un secondo ricco, adatto all’importanza del pranzo, e infinitamente buono.

Il tacchino in fricassea è un piatto che compare anche nei testi dell’antica Roma, molto usato anche dai contadini abruzzesi, che hanno sempre arricchito le loro pietanze con uova e pecorino.

Molte volte il tacchino o il pollo…..…non piace..e poi cucinato sempre allo stesso modo!

Ma vi assicuro che questa ricetta piacerà a tutti anche ai bambini!

Mia mamma usava le cosce del tacchino, private dalla pelle e spezzettate.

Io invece preferisco lo spezzatino di tacchino……quindi se volete provare…. occorre…per 3 o 4 persone…600 gr di tacchino, 3 uova, una cipolla, olio q.b., mezzo bicchiere di vino bianco,  un poco di farina, aromi per carni (rosmarino,salvia,timo,maggiorana), sale q.b., un pizzico di pepe e uno di noce moscata.

I pisellini primavera si preparano a parte in un’altra padellina e sono facoltativi, ma vi assicuro che ci stanno proprio bene!

Allora, in una padella mettete un filo di olio e la cipolla tritata.

Fate rotolare i vari pezzetti di tacchino in un piatto con della farina,  togliete la farina in eccesso e versateli in padella, fateli rosolare  per 5 o 6 minuti.

Versate il vino e fate sfumare. Quindi continuate la cottura del tacchino a fuoco lento, aggiungendo gli aromi, il sale e….. il coperchio.

In una terrina sbattete le uova con un pizzico di sale, la noce moscata e anche il pepe bianco,se vi piace.

Spegnete il fuoco e mettete il tacchino,ormai cotto, in un piatto.

L’intingolo che rimane nella pentola si aggiunge alle uova sbattute, si mescola bene il tutto, e si rimette nella pentola accendendo di nuovo il fuoco.

Quando vedete che l’uovo si è rappreso abbastanza, aggiungete il tacchino e fate cuocere ancora per alcuni minuti, servite  quasi subito il tacchino in fricassea ……

Tacchino in fricassea il secondo per Pasquaultima modifica: 2017-04-03T18:39:33+00:00da cristina-55
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento