']); _gaq.push(['b._trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://' : 'http://') + 'stats.g.doubleclick.net/dc.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })();

Tagliatelle alla boscaiola

stella

Quando arriva il tempo dei piselli freschi, non posso non ricordarmi di quando, bambina, raccolsi tutti i fiori

dei piselli, e mio padre rimase attonito guardando il mazzolino di fiorellini bianchi che stringevo orgogliosa fra le mani!

Non ricordo se quell’anno riuscimmo a mangiare i piselli….forse qualche fiore mi sfuggì….

Comunque ….

appena vedo  al mercato i piselli freschi appena colti e ancora nel baccello, non posso non fare le tagliatelle alla boscaiola.

Si perché rendono questo primo piatto profumato e  primaverile!

Se volete provare occorre……per 4 persone, 250 gr di tagliatelle all’uovo,250 gr di funghi ( io ho usato i porcini coltivati), 100 gr di piselli, due fettine di speck, 50 ml di vino bianco, mezza  cipolla, olio evo q.b. e pecorino romano q.b. qualche foglia di prezzemolo.

Pulite e tagliate a fettine i funghi.

In una padella mettete l’olio e la cipolla tritata, dopo un secondo versate i funghi e il vino, fate sfumare per alcuni minuti, poi aggiungete i piselli e continuate a cuocere per altri 10 minuti. Se occorre aggiungete un poco di acqua.

Cuocete le tagliatelle al dente, e, prima che raggiungano la cottura, riaccendete il fuoco sotto la padella con il condimento  e aggiungete lo speck tagliato a pezzettini.

Io non ho aggiunto altro sale perché lo speck è già abbastanza salato, ma se a voi piace potete aggiungere un pizzico di sale al condimento.

Lavate il prezzemolo e tritatelo.

Scolate le tagliatelle e versatele nella padella con il condimento, fate amalgamare e aggiungete il prezzemolo e il pecorino.

Tagliatelle alla boscaiolaultima modifica: 2016-05-06T20:18:59+00:00da cristina-55
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento